Grapperia

Ci sono luoghi che senza assumere alcuna ufficialità o essere destinati a particolari funzioni, entrano di diritto nella storia. È il caso della Grapperia dei Nardini al Ponte di Bassano che dal 1779 ha vissuto da protagonista oltre due secoli di storia, quella che ha cambiato le sorti dell’Europa. Pensate: nasce all’ombra della Serenissima ma presto si preparano grossi mutamenti che la vedranno al centro delle vicende assai più di ogni altro luogo della città. Cominciano nel 1797 i francesi ad asciugare le grandi giare di rame colme di grappa; e poi gli austriaci quando Napoleone baratta il Veneto in cambio della Lombardia; e ancora i francesi sino al tracollo di Waterloo, e infine per oltre mezzo secolo di nuovo gli austriaci fino all’annessione nel 1866 al giovane Regno d’Italia. Essa però è sempre rimasta immutata nel tempo, tanto da far parte a pieno titolo dei Locali Storici d’Italia.

FOTOGALLERY